Jitsi – videoconferenza

  • Categoria dell'articolo:Tutorial

L’esigenza di effettuare video conferenze nasce sia in ambito lavorativo che ludico o privato, e sono molti i programmi che consentono questo tipo di collegamento.

Il mercato informatico offre programmi a pagamento, altri free ma con opzioni aggiuntive a pagamento e altri ancora completamente free.
Alcuni programmi pongono attenzione alla sicurezza e addirittura offrono il proprio codice come open source.
Nei programmi commerciali l’ispezione del codice sorgente non è consentita e addirittura si raggiunge il caso limite in cui ad ogni sessione è necessario scaricare nel computer del codice da eseguire.
Questo non è accettabile da un punto di vista della sicurezza, e inoltre crea non pochi problemi su computer in cui il livello di protezione è particolarmente alto.
La soluzione ideale è quella di una piattaforma che veicoli la trasmissione audio e video tramite il web browser e senza la necessità di installare programmi o plugin.

Jitsi (https://jitsi.org/) è un insieme di progetti open source che consente di creare e distribuire facilmente soluzioni di videoconferenza sicure. Al centro di Jitsi ci sono Jitsi Videobridge e Jitsi Meet, che consentono di tenere conferenze su Internet, mentre altri progetti nella comunità consentono altre funzionalità come audio, dial-in, registrazione e simulcasting.
Non necessita di installare pezzi di codice nel pc, non necessita di creare un account, cripta le conversazioni ed è facile da usare.

  • Jitsi Videobridge trasmette l’audio e il video di tutti a tutti i partecipanti, anziché mescolarli per primi.
  • Migliore qualità, minore latenza e se si utilizza un servizio proprietario, una soluzione molto più scalabile ed economica.
  • Jitsi è compatibile con WebRTC, lo standard aperto per la comunicazione Web.
  • Supporto avanzato di routing video per simulcast, stime della larghezza di banda, codifica video scalabile e molti altri.
  • Pacchetti Ubuntu e Debian per una facile installazione.

Essendo basato su uno standard web è virtualmente compatibile con tutti i sistemi operativi. Per Android ed iOs sono disponibili apposite app.